Dublino diario di viaggio

Condividi sui social!

Catapultandomi d’impulso in questa avventura sono contenta di poter aggiungere questa perla alla lista delle città che ho avuto la fortuna di poter visitare.

banner travel
P1220970

 Non voglio annoiarvi, ciò che c’è da sapere di Dublino lo potete leggere sul web, piùttosto vorrei raccontarvi la mia esperienza e potervi trasmettere le mie sensazioni nonchè i luoghi, profumi e dettagli che più mi hanno colpita.

Dovete sapere che Dublino essendo la capitale della Republica d’Irlanda è una città in continuo ammodernamento, in continua espansione dal punto di vista urbano e economico.

Seppur modernissima vi sono delle aree e dei luoghi che vi riportano indietro nel tempo: dall’epoca dei vichinghi che fondarono questa città per farla diventare il centro del commercio degli schiavi, alla Dublino medievale, fino ad arrivare alla Dublino Georgiana che la rende molto simile a Londra.

Londra mi manca, conto presto di poterla visitare, di sicuro non ci sono termini di paragone posso immaginare. Ritornando a Dublino vi dirò che ne sono restata affascinata.

P1220968
P1220929
P1220971
P1220930

Ho trascorso 4 notti, allogiando nel cuore pulsante della vita notturna, ovvero “Temple Bar”, posizione ottima e molto centrale. Inizierò col dirvi che questo quartiere così come lo descrive il resto del web è sempre “sveglio”, composto per il 99% da pub e quando dico PUB intendo PUB VERI IRLANDESI! Qui si può semplicemete incontrare amici, colleghi dopo il lavoro o semplicemente fare amicizia. SI! gli Irlandesi soprattutto dopo un paio di pinte… sono amichevoli e molto molto “friendly”. Staccano dal lavoro intorno alle 19/20 e li vedi tutti riversarsi nei pub, dove c’è la loro pinta di Giunnes e la musica che li aspetta!. Attenzione però nei pub irlandesi (di temple bar) nn si può cenare, questi non hanno alcun tipo di menù, l’unica cosa che potete consumare è sottoforma di “drink” quindi birra, coca-cola, liquori ecc.

(ebbene si, me lo sono chiesta: ma quando caspita cenano? BHO, forse scappano di corsa a casa mangiano un boccone e poi… via con la Guinnes!)

dublin-templebar2

Ah! Temple Bar è sempre affolato, dalle 19 in poi..anche perchè molto vincino al TRINITY COLLEGE. In merito a quest’ultimo vi dirò che è molto molto bello, visitatelo! Un fantastico campus ricco di edifici storici in cui oggi tantissimi studenti si ritrovano. Mi ha colpito in particolare la visita alla Vecchia Blibioteca che contiene “The Book of Kells”  ovvero un codice miniato medioevale contenente i Quattro Vangeli in latino. E’ considerato il capolavoro, la vera gloria dell’arte celtica, che oggi gode di tanta fama proprio grazie all’eccezionale qualità di pagine e pagine di sontuosa scrittura a colori, miniature, decorazioni e illustrazioni presenti nel manoscritto. Wow! Un bel pezzo di cimelio, peccato che non potevo fotografare. Comunque la vecchia libreria è stupenda, sembra di rivivere il passato, milioni di libri ordinati accuratamente sugli scaffali di legno altissimi… (e vi dirò il profumo del legno si sentiva tutto!!)

P1230200
P1230209

Noterete subito sulla mappa del centro di Dublino la grandissima strada chiamata O’Connel Street. Questo immenso viale è disseminato di negozi, grandi magazzini e monumenti e rappresenta l’arteria principale della città,.È stato progettato da Luke Gardiner nel 1740, sull’onda della moda urbanistica dell’epoca, lineare e razionale. Ancora oggi si possono ammirare bellissimi palazzi neoclassici, anche se molti sono andati distrutti durante la guerra. A vegliare sul traffico la statua di Daniel O’Connell.

2911269-GPO-and-O-Connell-Street-0

Il mio giro a Dublino continua, verso la famosa cattedrale di ST Patrick. È considerata la cattedrale nazionale dell’Irlanda protestante venne edificata in uno dei siti cristiani più antichi di Dublino: dove, si narra, S. Patrizio abbia battezzato i pagani in un pozzo nel 450 d.c. La curiosità? Nel 1649, durante la guerra civile, venne utilizzata come stalla dalla cavalleria di Cromwell.

P1220937
P1220936
P1220934

Non posso omettere di raccontare la mia esperienza alla Guinnes Store House.

Bhè, comincio col dirvi che 5 ore sono volate! Nato nel lontano 1759, questo stabilimento occupa ben 26 ettari di terreno e le parti più antiche sono state riconvertite in un museo hi-tech, grazie a un avveniristico progetto che ha saputo adattare la struttura trasformandola in un edificio che sale per 7 piani assumendo la forma di una pinta di Guinness!

Il giro vi racconta (con audioguida in italiano) come si fabbrica la birra scura, attraverso la restaurazione di macchine, torni, antiche botti potrete capire tutto l’intenso procedimento. Nascita degli ingredienti, processo di produzione, l’arte dei bottai, il successo del marketing, la storia del VIP Arthur Guinnes e infine adirittura la degustazione di uno “shot” di guinnes appena splillata! Insomma un parco giochi che vi permette di immedesimarvi in un fan della Guinnes, nel biglietto è compresa anche una pinta di Guinness che potete spillarvi voi stesso grazie all’aiuto dello staff e ricevere così l’attestato del perfetto “birraio guinnes”. Ma ora veniamo al dunque, i 18 euro sono spesi bene, soprattutto grazie al settimo piano dove potete “crogiolarvi” su di una poltroncina, con la vostra birra scura e godervi lo scenario a 360°: una vista mozzafiato di Dublin CITY. Mi ritengo fornutata per aver goduto di un fantastico “quasi tramonto”. (circa le 16)

P1230079
P1230060
P1230075
P1230062

Ci sarebbero tantissime altre cose da scrivere, ovviamente i musei sono interessanti, molti di questi gratis. (Trovate la lista completa in questo sito utilissimo).

Mancano le ultime due cosette e poi ho finito. 😛

La prima è la stupenda “mezza giornata” trascorsa ad Howth. Questa cittadina situata nella baia di Dublino era in origine un villaggio di pescatori: la sua vocazione marinara è ancora molto presente, grazie a un porto fiorente e dalle intense attività. C’è una bella atmosfera, fra barche coloratissime e marinai che scaricano casse di pesce e negozi varipinti. Ne rimarrete affascinati! (io sono rimasta colpita profondamente).Il mare plumbeo e il vento impetuoso sono il tempo ideale per una romantica passeggiata, anche se un pò faticosa, lungo il molo fino al faro che si protende nel mare, da cui potrete godere una splendida vista sulla baia. Il vento fra i capelli e il sole che riscalda il viso: il senso di libertà è incredibile.

P1230089
P1230106
P1230112
P1230116
P1230129
P1230148
P1230175
P1230174
P1230164

Ah, visitatela di domenica, basta prendere la Dart (treno) dal centro e in 20 minuti di passegiata sui binari siete arrivati sul mare. Di domenica come dicevo è l’ideale, troverete anche il mercatino proprio di fronte la stazione… il Sig. Robert è un genio dei CUPCAKES AL BAYLES….. adorabile! Tutti disposti in fila, ben curati e con gusti sorprendenti!

P1230096
P1230095
P1230099

Ecco l’ultima “recensione”: il fantastico, adorabile, smielato…rullo di tamburi…”THE BAKERY”. Con il suo fascino da tipica panetteria-forno è incredibile. MI sono fermata la prima volta ed ho preso un Brownie al doppo cioccolato che era mozzafiato.

P1220978
P1220981
P1220980

L’atmosfera è tipica, frenetica di un forno in un quartiere che pulsa di vita. Le vetrine son piene di cose buone, pane speziato, dolci da forno, ah si… il loro vanto è la carrot cake..DELIZIOSAMENTE FANTASTICA! Ci sono ritornata una seconda volta, ho preso un Beagle con roost beef e insalata per il viaggio di ritorno in Italia. Non vi dico altro,se siete da quelle parti: passateci! (su tripadvisor trovate l’indirizzo e tuto quello che vi serve per trovarlo).

Okay, mi sa che è l’ora di chiudere. Oh! Sono troppo logorroica! 😀

Insomma Dublino merita un 8 abbondante, accogliente, ricca di gente amichevole pronta ad aiutarti con le indicazioni, sorriso sul viso, caffetterie adorabili che se avessi solo avuto più giorni mi sarei fermata volentieri un paio d’ore a sorseggiare una dolce cioccolata calda. Il tempo ha fatto miracoli, non ha piovuto neanche un pò e questo lo ammetto è stata pura fortuna, di solito piove sempre da Novembre a Febbraio!

Che dire, una città ricca di cose da fare, se non siete amanti dei musei e della letteratura di Jame Joyce ci sono un milione di cose da fare! Non sapevntatevi a Dublino non c’è la metro in compenso le linee di autobus a due piani sono efficienti e puntuali, durante l’inverno sono riscaldati! e in più a bordo c’è il wifi.

Ecco tutto,finito! Buon Viaggio,Con l’Augurio che anche voi possiate viaggiare per il mondo!

banner travel

La citazione che ho scelto:

“La vita è quello che decidiamo di farne. I viaggi sono i Viaggiatori. Ciò che vediamo non è ciò che vediamo, ma quello che siamo.” (F.Pessoa)

La canzone che ha accompagnato questo viaggio:

Best I ever had- Gavin DeGraw

banner travel

Note: ho visitato Dublino nel dicembre 2014

P1220987

With love,Fely.


Condividi sui social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »